George Orwell, 1984

Ci troviamo nel 1984, il protagonista del romanzo: Winston Smith vive a Londra, capitale dell’Oceania. Quella in cui abita è una Londra squallida, sporca, costantemente bombardata e ormai in rovina a causa dei continui attacchi ricevuti dagli altri due superstati: Eurasia ed Estasia. Il potere è il fine ultimo del Grande Fratello che nessuno ha mai visto, ma che invece vede tutto e sa tutto (grazie ai teleschermi e microfoni disseminati per la città);  non crea martiri poichè chi osasse solo pensare di ribellarsi scompare oppure viene, a seguito di torture, riprogrammato a pensare che: ” la guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza”. Winston lavora presso il Ministero della Verità e il suo compito è quello di modificare/falsificare i documenti per correggere ciò che il Grande Fratello aveva detto in passato, che non si era avverato; questo processo va avanti giorno per giorno, minuto per minuto, non esiste nulla se non un presente senza fine, nel quale il partito ha sempre ragione. La sua vita è una continua monotonia priva di vere emozioni. Un episodio che rivoluziona la sua vita è l’incontro con Julia, la quale diventerà la sua anima gemella. Essa finge di essere una accesa sostenitrice del partito e della lega anti-sesso, tutto questo per creare una maschera che le permetta di lasciarsi prendere, una volta ogni tanto, dalle vere passioni umane che il Partito aveva bandito. Winston viene aggredito da domande a cui non riesce dare una risposta: Cosa c’era in passato? Come era Londra prima dell’arrivo del Grande Fratello? Il mondo era sempre stato così?. Scaturisce infatti in lui la voglia di ribellarsi veramente al Partito e al grande fratello alleandosi con una setta segreta insieme a Julia: la Fratellanza, il cui collegamento è ignoto. Questo perché Winston era convinto che l’unica salvezza fossero i prolet, classe operaia semianalfabeta che non era particolarmente vincolata dal potere del Grande Fratello. La sua idea era quella di sovvertire le regole e colpire al cuore il partito ribellandosi.

Fino a quando i suoi piani prendono un’altra piega…

Alessia Meziu

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *