John Green, Cercando Alaska

Miles Halter è un ragazzo tranquillo e solitario con una strana passione per le parole pronunciate dalle persone famose in punto di morte, ed è proprio una di queste, del poeta François Rabelais, che lo spinge ad andare a cercare un “Grande forse” trasferendosi in un nuovo College. Nonostante la sua scarsa abilità nei rapporti con gli altri, Miles riesce a fare amicizia col suo rivoluzionario e brillante compagno di stanza, soprannominato Il Colonnello; con il giovane asiatico Takumi e con l’enigmatica e imprevedibile Alaska, che diventa per Miles un’ossessione. Tutto il romanzo ruota, più o meno, intorno a una fondamentale domanda del generale venezuelano Simon Bolivar: “Come farò ad uscire da questo labirinto?” e sul riuscire a capire se “questo labirinto” sia riferito alla vita o alla morte.

Parlando della struttura, il romanzo è suddiviso principalmente in due parti, collegate l’una con l’altra da un avvenimento principale. Dall’ inizio della narrazione fino all’evento la struttura è come se fosse un vero e proprio conto alla rovescia, da “centotrentasei giorni prima” fino ad arrivare al “Giorno”, per poi proseguire fino a “centoventidue giorni dopo”.  Ho trovato l’architettura del romanzo molto interessante, perché incuriosisce il lettore e lo costringe ad andare fino in fondo.  Anche il linguaggio usato dall’autore mi è piaciuto: pur essendo la sua prima opera, John Green riesce a narrare la storia proprio come se si calasse perfettamente in tutti gli adolescenti protagonisti, dall’essere lunatico all’innamorarsi in un attimo, dalla voglia di lasciare tutto e tutti all’appassionarsi alle cose.

Consiglio questo libro vivamente, soprattutto a chi ha interesse  per il tema dell’adolescenza, ma anche a tutti coloro che amano leggere della vita, in tutti i suoi aspetti, compresi quelli più drammatici.

Vittoria Ridolfi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.