L’incipit della settimana: Guido Sgardoli, Dragon boy

La prima roba che mi viene in mente è che non ho niente che mi viene in mente.
Un’altra roba che mi viene in mente è che quando scrivi un diario e poi combini qualche casino, i genitori o i poliziotti vanno subito a leggere il tuo diario.
L’ho detto a Domi che un diario non mi serviva, ma lei ormai l’aveva comprato e mi ha risposto che era una cosa tutta mia e che avrei deciso io cosa scriverci o se scriverci qualcosa.
“Puoi anche tenerlo e basta, senza metterci neanche una parola”, ha detto.
Però, mi domando, che senso ha un diario se uno lo lascia là, con tutte le pagine bianche?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.