L’incipit della settimana: John Boyne, Il bambino con il pigiama a righe

Un pomeriggio, di ritorno da scuola, Bruno sorprese Maria in camera sua. La loro cameriera – che stava sempre a testa bassa, con gli occhi incollati al pavimento – tirava fuori dall’armadio tutte le sue cose. Perfino quelle nascoste sul fondo, che erano di sua esclusiva proprietà e non dovevano interessare a nessun altro. Le stava stipando in quattro grandi casse di legno.

«Cosa fai?» le domandò, cercando però di essere educato, perché anche se non era felice di averla scoperta intenta a frugare tra le sue cose sua madre gli aveva insegnato a trattare Maria con rispetto e a non imitare suo padre, che invece le si rivolgeva così: «Giù le mani dalla mia roba».

Maria scosse la testa e puntò lo sguardo verso le scale, sopra le spalle di Bruno, dove era comparsa in quel momento la madre, una donna alta dalla lunga chioma rossa che teneva raccolta in una retina sulla nuca. Agitava nervosa le mani, come per qualcosa di spiacevole che non voleva dire o a cui addirittura non voleva credere.

«Mamma» disse Bruno facendo un passo verso di lei. «Cosa succede? Perché Maria fruga fra le mie cose?»

«Le mette via» fu la spiegazione della madre.

«Le mette via?» domandò Bruno, passando rapidamente in rassegna gli avvenimenti degli ultimi giorni. Si lambiccò per capire se mai avesse disobbedito, o se gli fossero sfuggite di bocca parole proibite, e per questo adesso lo stessero mandando via. Ma non gli venne in mente niente. Negli ultimi giorni aveva tenuto con tutti un comportamento irreprensibile e non gli sembrava di aver infastidito nessuno. «Perché?» domandò allora. «Cos’ho fatto?»

Nel frattempo la madre era entrata nella propria ca- mera, dove già si trovava Lars, il loro maggiordomo, che stava impacchettando altre cose. Sospirò e levò le brac- cia al cielo, poi puntò decisa verso le scale, seguita da Bruno, che non intendeva lasciarla andar via senza aver prima ottenuto una spiegazione.

«Mamma» insistette. «Cosa succede? Stiamo traslocando?»

John Boyne, Il bambino col pigiama a righe, illustrazioni di Oliver Jeffers, traduzione di Patrizia Rossi, Rizzoli, 2017, pp. 360, €22

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.