Marcello D’Orta, Io speriamo che me la cavo

Il libro mostra sessanta temi di bambini napoletani. Perché il maestro di questa classe elementare ha voluto raccogliere sessanta temi dei suoi alunni? Un motivo evidentemente c’è, eccome. E credo, anch’io, che valga la pena di conoscere quei temi e soprattutto quei bambini, in tutta la loro naturalezza.I temi di questi bambini sono colorati,vivaci, spesso sgrammaticati e scoppiettanti di humour involontario. In fondo, dietro ciò si nasconde la realtà, la pura realtà che mostra in quali condizioni si trova il Sud. Quindi, dietro i temi di questi sessanta bambini si nasconde una saggezza, un’allegria scanzonata che sfocia,appunto, in uno spaccato inquietante delle condizioni del Sud Italia, o come lo definisce Marcello D’Orta, del nostro Sud.

 

Chiara Principe

 

Con questa recensione, del 2011, (Chiara frequentava la seconda media)  Qualcunoconcuicorrere.org rende omaggio al maestro D’Orta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.