L’incipit della settimana: Timothée De Fombelle, Il favoloso libro di Perle

Chi avrebbe mai immaginato che lei era stata una fata? Era scappata dalla finestra della torre, dopo avere stracciato i vestiti per farne una corda. E da quando in qua alle fate serve una fune per calarsi da un baluardo? Ora indossava soltanto una lunga camicia bianca che aveva rubato, più tardi, da un filo teso sotto la luna.

Correva sulla sabbia, nella notte. La sera prima aveva rinunciato a tutti i suoi poteri. E ormai era una ragazza come le altre. Solo un po’ più persa, un po’ più inquieta, un po’ più bella di tutte le altre ragazze della sua età.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.