Monthly Archives: luglio 2013

Ruta Sepetys, Avevano spento anche la luna

“Non devi concedergli niente, Lina, nemmeno la tua paura.” E così, anche una sola notte, può sconvolgere la tua vita. Eri abituata a svegliarti la mattina con un’invitante tazza di tè accompagnato con dei deliziosi biscotti, a salutare mamma e…

R.J. Palacio, Wonder

Il termine “Wonder” è uno di quei termini che i latini chiamavano voces mediae, semanticamente neutri, capaci di assumere un’accezione positiva o negativa a seconda del contesto: può significare meraviglioso, prodigioso, ma in quanto “fuori dalla norma” anche spaventoso. “To…

Siobhan Dowd, La bambina dimenticata dal tempo

Scriveva Schopenauer che ognuno prende i limiti del suo campo visivo per i confini del mondo. Nel secondo romanzo di Siobhan Dowd pubblicato da Uovonero, La bambina dimenticata dal tempo, il concetto di “confine” può risultare centrale per l’individuazione di una chiave…

Margherita Oggero, L’amico di Mizù

“L’amico di Mizù” non è un bel libro. O meglio: è un libro fuori posto. Arrivato nelle classi delle medie avrà pensato di essersi perso e si sarà sentito a disagio. Poi, tranquillizzato dalla presenza di “L’estate in cui diventai…

Michela Turra, Il mondo nel palazzo

“Ciao”. “你好”. “Merhaba”. “مرحبا”. “привіт”. “Përshëndetje”. E’ dal momento in cui ciascuno comincia ad aprirsi, a comprendere e a parlare la lingua dell’altro che „Il mondo nel palazzo”, muta prospettiva. La trama si sviluppa in un anonimo casermone assai fatiscente…

Tiziano Terzani, Lettere contro la guerra

8.46 Ehi tu, kamikaze, tu, causa di tanto odio, che ieri hai baciato i tuoi genitori per l’ultima volta,  che non lo hai voluto ma sei stato costretto dalla triste vita in cui sei vissuto, che eri il predestinato, tu che…