Monthly Archives: maggio 2014

Paolo Rumiz, A piedi

“A Piedi” è un libro speciale, lontano da tutto ciò che potete aver letto fino ad ora. Parla di un viaggio, più di 140 km, tutti a piedi, lentamente, con passo regolare. Con una meta precisa, ma attraverso una strada…

Leggere al tempo dei blog

Si è concluso oggi, con il terzo incontro, il ciclo di reading organizzato dal nostro blog in collaborazione con la Biblioteca dei Ragazzi di Firenze. In tre pomeriggi abbiamo parlato di David Grossman con Michele, di David Almond con Emma,…

Vera Bresgol, Anya e il suo fantasma

Anya vive in America, si è trasferita dalla Russia e da subito il suo accento è stato preso in giro dai compagni. A casa la madre le prepara cibi della cucina russa, troppo grassi e pesanti secondo Anya e di…

Un incipit al giorno: Andrew Fukuda, The Hunt

Una volta eravamo di più. Ne sono certo. Non abbastanza da riempire uno stadio, forse neppure un cinema, ma sicuramente più di quanti siamo oggi. La verità è che non credo rimanga nessuno. A parte me. Succede, quando sei una…

Irene e Marco, Devo Solo Attrezzarmi

Questo è il diario di Irene e Marco, due ragazzi di 15 e 16 anni che hanno un “problemino” o come dice Pietro, un professore di Marco, sono speciali e unici. Si tratta della dislessia. Affligge sia Marco, il più…

David Levithan, Ogni giorno

Ogni giorno la stessa tortura. Ogni giorno cercare di non essere ricordato. Ogni giorno non fare niente che possa cambiare la vita. Ogni giorno la stessa storia. Ogni giorno una storia diversa. Non poter mai essere se stessi, non poter…

Un incipit al giorno: Veronica Roth, Insurgent

MI SVEGLIO con il suo nome sulle labbra. Will. Prima ancora di aprire gli occhi, lo vedo di nuovo crollare a terra. Morto. Sono stata io. Tobias si accovaccia davanti a me, appoggiandomi una mano sulla spalla sinistra, mentre il…